Versione di PHP corrente, in script o riga di comando

Tra i linguaggi di scripting di utilizzo comune, PHP è sicuramente tra i più diffusi. Ma per tale grado popolarità non significa che per ogni progetto o soluzione ci sia la sufficiente combinazione per il corretto superamento dei requisiti per il necessario funzionamento.

Un caso di esempio comune si verifica quando per alcune librerie non sono ancora disponibili versioni recenti, oppure in caso contrario delle classi potrebbero richiedere una versione minima di PHP per poter essere utilizzate. Inoltre molte estensioni sono deprecate per l’uso in versioni più mature o disponibili solamente a partire da versioni di PHP di recente rilascio.

Questo articolo raccoglie alcuni consigli su come determinare la versione di PHP disponibile per superare qualsiasi dubbio a proposito.

PHP_Logo

Versione di PHP all’interno di script e file php

Per visualizzare la versione di PHP correntemente in uso dall’interprete, è disponibile la funzione phpversion, che restituisce una stringa contentente la notazione maggiore, inferiore e di revisione (quindi una forma completa del tipo “5.3.29”) della versione.

E’ utilizzabile come nel blocco di codice seguente:

<?php
echo 'La versione di PHP attualmente in uso è ' . phpversion();
?>

La stessa informazione è disponibile come costante predefinita PHP_VERSION :

<?php
echo 'La versione di PHP attualmente in uso è ' . PHP_VERSION;
?>

Ovviamente l’informazione può essere trattata come una stringa, quindi può essere salvata all’interno di una variabile ed utilizzata nel corpo di qualsiasi script.

Versione di PHP da linea di comando (CLI)

In alternativa, è possibile conoscere la versione dell’interprete da linea di comando (CLI) utilizzando l’opzione -v .

L’esempio seguente riporta il caso restituito da un host Linux

[root@host ~]# php -v
PHP 5.3.3 (cli) (built: Oct 31 2014 09:53:00)
Copyright (c) 1997-2010 The PHP Group
Zend Engine v2.3.0, Copyright (c) 1998-2010 Zend Technologies
[root@host ~]#