Ripristinare yum su CentOS 5, con RPM

A seguito dell’introduzione di una versione incompatibile dell’interprete python o per altri eventi che abbiano in qualche modo corrotto la corretta dimensione delle dipendenze, può essere necessario ripristinare yum su CentOS 5.

Pur non essendo nello specifico la macchina con dei servizi esposti ma facente parte di una rete attivamente utilizzata per lo sviluppo, è opportuno tornare ad avere yum in efficienza.

cat /etc/redhat-release
CentOS release 5 (Final)

Le necessità al momento non prevedono un upgrade di versione (sebbene preferibile), quindi la dimensione di intervento è quella circoscritta dal mantenersi nel perimetro di CentOS 5.

Ripristinare yum su CentOS 5, con RPM

Dove recuperare file RPM

I file rpm necessari per l’attività di ripristino di yum sono disponibili all’indirizzo http://mirror.centos.org/centos-5/5/os/i386/CentOS/ e pertanto possono essere recuperati ad esempio con wget. Nel mio caso ho recuperato la seguente lista:

python-2.4.3-56.el5.i386.rpm
python-libs-2.4.3-56.el5.i386.rpm
yum-3.2.22-40.el5.centos.noarch.rpm

Completati i download, siccome intendo forzare la sostituzione dei precedenti rpm, posso lanciare

rpm -Uvh --replacepkgs *.rpm

Non sufficiente per ripristinare yum su CentOS 5?

Tutto quanto anticipato sembrerebbe formalmente aver contribuito a sistemare l’installazione di yum per riprendere ad utilizzarlo.

Infatti

yum --version

torna la versione di yum presente e le informazioni sul parser utilizzato per comunicare con le fonti, ma già un

yum list installed

frena gli entusiasmi. Uno dei mirror è in HTTPS ed un componente python m2crypto solleva un’eccezione non gestita.

Ho individuato la soluzione riprendendo dal mirror di CentOS 5 un rpm m2crypto-0.16-9.el5.i386.rpm ed in effetti sono riuscito a superare anche l’ostacolo del repository in HTTPS.