Migrare posta tra server, via IMAP e POP3

Considerata la dinamicità con la quale possono essere attivate delle caselle di posta elettronica tra tecnologie differenti ma aderenti agli standard, è possibile dover migrare posta o sincronizzare messaggi e struttura Maildir senza un particolare preavviso anche per poche unità.

migrare posta: imap o pop?

Migrare posta: IMAP o POP3?

La domanda se utilizzare il protocollo IMAP o POP3 per sincronizzazioni e trasferimenti può essere influenzata sia dalla disponibilità esclusiva dell’uno nei confronti dell’altro o fino alla simpatia personale: quando possibile l’indicazione è quella di utilizzare IMAP, in quanto consente la migliore flessibilità di interrogazione e gestione delle utenze di posta.

Sincronizzazione della posta con imapsync

Il software da poter utilizzare per la migrazione IMAP preso in esame è imapsync ed è scritto in Perl; disponibile con port nella maggior parte delle piattaforme, è l’ideale per trasferire e replicare in modo unidirezionale il contenuto di una casella di posta (con l’eventuale eccezione di funzionalità tipo contatti e calendario).

Per l’installazione ad esempio in CentOS, il pacchetto è disponibile all’interno del repository epel, pertanto è possibile installarlo via yum, con la sequenza di comandi

yum install epel-release
yum install imapsync

ovvero per le versioni precedenti di Centos

wget http://dl.fedoraproject.org/pub/epel/6/x86_64/epel-release-6-8.noarch.rpm
rpm -Uvh epel-release-6*.rpm
yum install imapsync

Imapsync è anche disponibile come port Darwin ed installabile con una formula Homebrew

ruby -e "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/master/install)" < /dev/null 2> /dev/null
brew install imapsync

Il manuale completo è disponibile via man, anche se l’opzione fin da subito più comoda è –dry che nel caso sia indicata rende qualsiasi comportamento come solamente simulato.

L’esempio di migrazione base di una casella con medesimo nome utente con cambio di server e password è il seguente

/usr/bin/imapsync \
 --host1 vecchio.server.com --user1 utente@posta.com --password1 1lMioTe$$or0 \
 --host2 nuovo.server.com --user2 utente@posta.com --password2 c0m3_s3_f0ss3_an7an1

ma le opzioni sono talmente raffinabili che vale davvero la pena consultare la documentazione per trovare quelle più indicate per i propri setup.
Una volta lanciata l’esecuzione, il software ricostruisce nel nuovo server la struttura con i messaggi provenienti dalla sorgente, riportando alla fine il numero dei messaggi trasferiti, saltati, cancellati ed altri indicatori relativi alle attività completate.

imapsync running on macosx