Archivi tag: imap

Spostare posta POP3 in IMAP con script Perl

Quando non si può scegliere IMAP per alcuni scenari di migrazione, e l’accesso per spostare posta POP3 è l’unica opzione, le informazioni dell’articolo Migrare posta tra server, via IMAP e POP3 possono essere integrate utilizzando un ulteriore software.

spostare posta pop3 con script perl

Spostare posta POP3 con pop3toimap.pl

Prendiamo in esame il kit fornito da IMAP Tools che consiste di una raccolta di programmi in Perl per la gestione della posta elettronica.

Tra i software messi a disposizione, quello da dover utilizzare è pop3toimap.pl che accetta da linea di comando le opzioni dove specificare direttamente le credenziali della casella POP3 e quelle per l’accesso IMAP:

pop3toimap.pl -p pop.server.com/utente@server.com/passPOP3 -i imap.server.com/utente@server.com/passIMAP

La sintassi alternativa da utilizzare è prevista attraverso il supporto di un file contenenti una coppia o più di credenziali, indicata in righe separate all’interno di un file di testo semplice con una sintassi fissa

popUsername password imapUsername password

che ovviamente è utile in caso di migrazioni multi utenza, con gli stessi server

pop3toimap.pl -p pop.server.com -i imap.server.com -u file_credenziali_utenti

Alcune versioni precedenti possono presentare un errore logico del codice Perl (correggibile mediante un piccolo fix a parte del codice che cicla la lettura delle mailbox), ma potendo contare sulla versione aggiornata del team di sviluppo il problema non si presenta.

Oltre il singolo script, può essere interessante consultare la guida completa all’uso: infatti visto i diversi software disponibili può essere interessante richiedere la suite completa nel caso durante la propria attività quotidiana si possa avere bisogno di soluzioni già messe a disposizione e pronte per l’utilizzo.

Migrare posta tra server, via IMAP e POP3

Considerata la dinamicità con la quale possono essere attivate delle caselle di posta elettronica tra tecnologie differenti ma aderenti agli standard, è possibile dover migrare posta o sincronizzare messaggi e struttura Maildir senza un particolare preavviso anche per poche unità.

migrare posta: imap o pop?

Migrare posta: IMAP o POP3?

La domanda se utilizzare il protocollo IMAP o POP3 per sincronizzazioni e trasferimenti può essere influenzata sia dalla disponibilità esclusiva dell’uno nei confronti dell’altro o fino alla simpatia personale: quando possibile l’indicazione è quella di utilizzare IMAP, in quanto consente la migliore flessibilità di interrogazione e gestione delle utenze di posta.

Sincronizzazione della posta con imapsync

Il software da poter utilizzare per la migrazione IMAP preso in esame è imapsync ed è scritto in Perl; disponibile con port nella maggior parte delle piattaforme, è l’ideale per trasferire e replicare in modo unidirezionale il contenuto di una casella di posta (con l’eventuale eccezione di funzionalità tipo contatti e calendario).

Per l’installazione ad esempio in CentOS, il pacchetto è disponibile all’interno del repository epel, pertanto è possibile installarlo via yum, con la sequenza di comandi

yum install epel-release
yum install imapsync

ovvero per le versioni precedenti di Centos

wget http://dl.fedoraproject.org/pub/epel/6/x86_64/epel-release-6-8.noarch.rpm
rpm -Uvh epel-release-6*.rpm
yum install imapsync

Imapsync è anche disponibile come port Darwin ed installabile con una formula Homebrew

ruby -e "$(curl -fsSL https://raw.githubusercontent.com/Homebrew/install/master/install)" < /dev/null 2> /dev/null
brew install imapsync

Il manuale completo è disponibile via man, anche se l’opzione fin da subito più comoda è –dry che nel caso sia indicata rende qualsiasi comportamento come solamente simulato.

L’esempio di migrazione base di una casella con medesimo nome utente con cambio di server e password è il seguente

/usr/bin/imapsync \
 --host1 vecchio.server.com --user1 utente@posta.com --password1 1lMioTe$$or0 \
 --host2 nuovo.server.com --user2 utente@posta.com --password2 c0m3_s3_f0ss3_an7an1

ma le opzioni sono talmente raffinabili che vale davvero la pena consultare la documentazione per trovare quelle più indicate per i propri setup.
Una volta lanciata l’esecuzione, il software ricostruisce nel nuovo server la struttura con i messaggi provenienti dalla sorgente, riportando alla fine il numero dei messaggi trasferiti, saltati, cancellati ed altri indicatori relativi alle attività completate.

imapsync running on macosx