Archivi tag: router

Acquistare un nuovo router ADSL / Cronaca di un aggiornamento EP2

Suggerimento: il router AVM FRITZBox 3490 è disponibile su Amazon.it

Controllando periodicamente l’efficienza del parco apparati presso i propri uffici, arriva il momento in cui è necessario acquistare un nuovo router adsl per la propria connessione.  Rispetto ad apparati per sedi aziendali o con postazioni numerose, sul mercato sono disponibili dei dispositivi con un buon livello di prestazioni a condizioni accessibili.

Motivi dell’acquisto del nuovo router adsl

La valutazione di opportunità di questo acquisto non è partita da limiti di risorse raggiunte o malfunzionamenti particolari, anche se la motivazione è connessa alla facoltà di poter scegliere gli apparati di collegamento, un argomento piuttosto attuale negli ultimi anni: tra il regolamento UE 2015/2120 che decreta la libertà per gli utenti di poter scegliere in maniera neutrale gli apparati di accesso e la prassi commerciale di rilegare il cliente con dispositivi specifici, utilizzare un modem router di proprietà è una scelta impegnativa ma indipendente.
L’argomento modem libero è in Italia oggetto di campagne di sensibilizzazione dell’opinione pubblica e materia che gli organismi governativi si stanno preparando solo di recente a recepire e codificare.

Questa premessa è stata incentivante nell’indirizzarsi verso opzioni che come esigenze vengono proposte ad un target equivalente al piccolo ufficio, quindi leggermente sopra ad esigenze domestiche medie.

Il nuovo router adsl AVM 3490: Pro e Contro

La gamma dei router adsl AVM è ampia, in questo caso complice della scelta del modello esatto è stata una promozione di un punto vendita fisico di una catena GDO specializzata in elettronica.
Preferendo quando possibile la connessione fisica ottica/rame, ero interessato alla presenza di porte gigabit ed in questo caso è presente uno switch integrato a 4 porte. Il modem ADSL oltre a supportare la versione 2 è compatibile con VDSL fino a 100 Mbit/s e la presenza di 2 porte USB consentono di condividere dischi tipo NAS ed utilizzare modem cellulari come link WAN di salvaguardia in caso di problemi o mancanza dela linea fissa.

Il fattore di forma è piuttosto largo e la superficie non consente la sovrapposizione di altri apparati: la disposizione delle porte leggermente rientrante consente una razionalizzazione dei collegamenti ma non ispezionabili col solo colpo d’occhio. Una volta acceso, un altro piccolo difetto è la mancanza di feedback di passaggio di traffico sulle interfacce: se siete abituati al lampeggìo dei led in base al passaggio dei dati rimarrete delusi dalla presenza di led permanentemente accesi.

Il software è probabilmente la differenza che segna una distanza dalle interfacce di amministrazione comunemente diffuse tra i diversi produttori ed AVM, che si intuisce già dalla panoramica presente all’accesso.

Ogni modifica o comando richiesta oltre ad essere pronta e disponibile viene immediatamente eseguita, sia che venga comandata da desktop o da terminale mobile. L’isolamento delle sezioni Internet, Rete Locale e Wireless oltre a distribuire logicamente funzioni, impostazioni e dati consente di analizzare le caratteristiche ed intervenire per ottimizzare i parametri in base alle proprie esigenze.

Ad esempio, per supporto alla risoluzione di problemi nella rete locale si può monitorare un dispositivo, conoscere la velocità di collegamento, se ci sono delle regole di mitigazione del traffico attive ed in caso di collegamenti powerline informazioni riguardanti anche le caratteristiche e la qualità del link.

Se quindi a livello hardware il FRITZbox può apparire con qualche lacuna, la parte software (che AVM identifica con FRITZos) sicuramente va oltre le aspettative.